La sicurezza

Le accuse degli inquirenti romani agli apparati egiziani per la morte di Regeni

Il Pm Colaiocco, ascoltato dalla commissione d'inchiesta che indaga sulla morte del ricercatore, ha spiegato che le persone che circondavano il giovane friulano lavoravano per i servizi segreti de Il Cairo.

«Intorno a Giulio Regeni è stata stretta una ragnatela dalla National security egiziana già dall’ottobre prima del rapimento e omicidio. Una ragnatela in cui gli apparati si sono serviti delle persone più vicine a Giulio al Cairo tra cui il suo coinquilino avvocato, il sindacalista degli ambulanti e Noura Whaby, la sua amica che lo aiutava nelle traduzioni». È la ricostruzione del il pm Sergio Colaiocco ascoltato, assieme al procuratore Michele Prestipino, davanti alla commissione d inchiesta sulla morte di Giulio Regeni. «Una ragnatela», ha spiegato Colaiocco, «che si è stretta sempre di più è in cui Giulio è finito al centro. Secondo quanto accertato Noura passava le informazioni sull’attività e gli spostamenti di Giulio ad un operatore turistico che a sua volta riferiva alla National Security».

PRESTIPINO: «AVANTI CON DETERMINAZIONE»

Nel corso dell’audizione è intervenuto anche Michele Prestipino, procuratore facente funzioni di Roma che ha spiegato come «l’eccezionalità di questo caso risiede in primo luogo nel fatto che si tratta di un cittadino italiano sequestrato, torturato e assassinato in un territorio estero. Una eccezionalità testimoniata dalle scelte compiute dal nostro ufficio, che ha avuto sin dal principio piena consapevolezza della gravità dei fatti. La Procura continuerà con determinazione a compiere tutte le attività per continuare ad acquisire elementi di prova per accertare quanto accaduto».

RICOSTRUITI GLI ULTIMI GIORNI DEL RICERCATORE

«C’e’ una difficoltà», ha aggiunto Prestipino, «nel coordinare la nostra attività giudiziaria con l’iniziativa giudiziaria dell’Egitto anche perché tra i due Paesi non ci sono accordi di cooperazione giudiziaria. Nonostante tutte queste difficoltà posso affermare che abbiamo raggiunto fin qui risultati estremamente positivi. Siamo riusciti grazie alla straordinaria capacità dei nostri reparti investigativi, Sco e Ros, a ricostruire il perimetro di quanto accaduto in quel lasso temporale». Prestipino ha spiegato che «siamo riusciti a ricostruire il contesto dell’omicidio, i giorni precedenti al sequestro, l’attività degli apparati egiziani nei confronti di Giulio culminata col sequestro, riuscendo a sgomberare il campo da ipotesi fantasiose sul sequestro, dall’attività spionistica alla rapina. Ipotesi», ha spiegato, «messe definitivamente da parte. Abbiamo individuato soggetti indiziati che per questo sono stati iscritti nel registro degli indagati».

LA FAMIGLIA: «GRAZIE PER LA LOTTA AI DEPISTAGGI»

«In questi anni abbiamo dovuto lottare contro violenze, depistaggi, omertà, prese in giro e tradimenti. Siamo grati ai nostri procuratori e alle squadre investigative per il lavoro instancabile svolto in questi quattro anni in sinergia con noi e la nostra legale. Se oggi abbiamo i nomi di alcuni dei responsabili del sequestro, delle torture e dell’uccisione di Giulio e se alcuni di quei nomi sono iscritti nel registro degli indagati lo dobbiamo a loro», è stato il commento di Claudio e Paola Regeni, genitori di Giulio, dopo la prima riunione della commissione d’inchiesta.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

I Commenti sono chiusi

Video:
Calendario
febbraio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829